Il Brachetto, vino aromatico dal profumo di rosa

(c) Consorzio Tutela Brachetto d’Acqui

Sulle colline tra Acqui Terme e Nizza, nell’Alto Monferrato, prospera un’uva aromatica a bacca nera, il Brachetto, da cui si ricava l’omonimo vino, insignito della Docg nel 1996.

Il Brachetto d’Acqui (o Acqui Docg), prima delle recenti modifiche, veniva proposto in tre tipologie, a “tappo raso” e spumante, entrambe dolci, e passito. Testimonianze risalenti al primo Novecento attestano però l’usanza di vinificare le uve Brachetto anche in versione non dolce e di ricavarne un vino fresco, da abbinare ai piatti tipici della merenda sinòira oppure da servire a pasto.

Proprio con l’intento di recuperare la tradizione e ampliare la gamma di prodotti a base di uve Brachetto, il Consorzio di Tutela del Brachetto, istituito nel 1992 ad Acqui, si è fatto promotore di una variazione al disciplinare, approvata nel 2017, che prevede il Brachetto in altre due versioni: come vino rosso secco e fermo, strutturato ma non troppo longevo, e come spumante anch’esso secco, nelle diverse declinazioni Extra Brut, Brut, Extra Dry, Dry, Demi Sec. 

Per distinguere la tipologia dolce, rossa, da quella secca, si è optato per uno spumante rosé, con una permanenza breve sulle bucce per limitare l’estrazione di colore, mentre il metodo di norma usato è quello Charmat, o Martinotti, dal nome del direttore dell’Istituto Sperimentale per l’Enologia di Asti che lo mise a punto a fine Ottocento. La modifica restituisce quindi il Brachetto secco alla storia enologica del Piemonte.

Già citato dal Di Rovasenda e dal Gallesio, il Brachetto, apprezzato per l’alto contenuto zuccherino nelle uve e il ricco corredo aromatico, dovuto ai terpeni, già percepibile in vigna con l’intenso profumo di rosa che si effonde al tempo della vendemmia, veniva elogiato dal Canina nel 1922 come vino di lusso appartenente alla “categoria dei vini rossi dolci e aromatici”, consumato per lo più in versione spumante o spumeggiante.

Esportato nell’Ottocento sino in America del Sud, cadde poi in oblìo, sia per i flagelli che funestarono la viticoltura europea, oidio, peronospera, fillossera, e che favorirono, nel rinnovamento dei vigneti, le varietà più robuste, sia per la concorrenza di uve a basso costo dall’ex Regno delle Due Sicilie, che invasero i mercati di Torino, Genova e Milano.

Il centro storico di Acqui Terme (Al) – (c) IAT Acqui Terme

Solo dagli anni Sessanta del Novecento iniziò la ripresa, grazie a produttori come Arturo Bersano, che riservò sempre in azienda uno spazio al Brachetto.

Discussa è la comparsa della varietà in Piemonte, che studiosi come Irene Gaddo fanno risalire alla prima metà dell’Ottocento, periodo in cui la superficie vitata in Astigiano e Monferrato raggiungeva la massima espansione, ricevendo ulteriore impulso dall’attivazione nel 1848 della tratta ferroviaria Torino-Genova, con l’apertura di nuovi mercati.

A questo periodo risale l’imporsi dei vitigni dominanti o prevalenti, come il Barbera nell’Astigiano, che si estesero a discapito di un’ampia rosa di varietà minori, dette uvari, un tempo piantate alla rinfusa nella vigna e da cui derivavano i vin d’uvari, miscela di uve diverse. Dal primo Ottocento i vitigni locali dovettero anche fronteggiare la concorrenza delle varietà estere, introdotte in Piemonte da agronomi sperimentatori come i marchesi Alfieri a San Martino Alfieri e il marchese Filippo Asinari di San Marzano nelle tenute di Costigliole d’Asti e San Marzano Oliveto.

L’Asinari di San Marzano, diplomatico e militare, che fece carriera nell’esercito napoleonico per poi tornare al servizio dei Savoia con la Restaurazione, amava dedicare il tempo libero alla tenuta di famiglia a Costigliole d’Asti, dove creò un vigneto sperimentale mettendo a dimora barbatelle di varietà estere, considerate prestigiose. Il marchese sperimentò anche nuove tecniche di coltivazione: ad esempio consigliava ai contadini di sotterrare attorno alle barbatelle di vite centinaia di scarpe o ressicatura di corno, perché dalla decomposizione del materiale organico (cuoio e corno) si sprigionasse il rivitalizzante azoto.

Con i suoi esperimenti il San Marzano lasciò in eredità al Piemonte il vitigno Chardonnay, da lui introdotto sulle nostre colline, e soprattutto un’uva aromatica a bacca nera, nota come Braquet di Nizza Marittima, originaria di un territorio al tempo appartenente agli Stati di Savoia. In realtà pare che esistessero nel Nizzardo due varietà note come Braquet, l’una a sapore semplice, l’altra aromatica, ma si ritiene che l’Asinari avesse introdotto proprio la seconda, dall’intenso profumo di rosa.

La varietà, già citata nel Settecento dalle fonti sabaude che elogiavano un “vino liquore” prodotto nel contado di Nizza e consumato alla corte di Torino, è indicata da Incisa della Rocchetta nel 1862 come originaria del Nizzardo, ma “da lungo tempo coltivata nell’Astigiana, ove attualmente la si potrebbe dire indigena”. Il Braquet, ora Brachetto, si diffuse rapidamente nei circondari di Nizza e Acqui, terre d’elezione, a scapito di varietà aromatiche un tempo più coltivate in Piemonte, come le Malvasie bianche e nere.

Paolo Barosso

___________________________________________________________________________________________________________________________

Traduzione in piemontese a cura di Paolo Sirotto

Ël Brachèt, vin aromatich dal përfum ëd reusa 

An sle colin-e tra Aich e Nissa dla Paja, ant l’Àut Monfrà, a foson-a n’uva aromatica a còcola nèira, ël Brachèt, dal qual a s’arcava l’omònim vin, onorà con la Docg dël 1996.

Archivio Alexala – ph Gianluca Grassano

Ël Brachèt d’AIch (o Aich Docg), prima dle ùltime modifiche, a vnisìa propòst an tre tipologìe: a “nata rasà” e mossant, tute e doe dosse, e passì. Testimonianse ch’a rivo dal prim Neuvsent a parlo tutun ëd l’usansa ‘d vinifiché j’uve Brachèt ëdcò an version nen dossa e ‘d gavene un vin fresch, da buté tacà ai piat tipich ëd la marenda sinòira opurament da serve an mangiand.

Pròpi con ël but ëd ricuperé e spantié la sernia dij prodòt a base d’uve Brachèt, ël Consòrsi ‘d Tùa dël Brachèt, istituì dël 1992 ad Aich, a s’é fasse promotor ëd na variassion al dissiplinar, aprovà ant ël 2017, ch’a prevèd ël Brachèt an d’àutre doe version: coma vin ross sech e ferm, struturà ma nen tròp ëd vita longa, e coma mossant, ëdcò chiel sech, ant le diverse declinassion Extra Brut, Brut, Extra Dry, Dry, Demi Sec. 

Për distingue la tipologìa dossa, rossa, da cola sëcca, a s’é sernusse un mossant rosé, con na përmanensa curta an sle pleuje për limité l’estrassion dël color, tramentre che ‘l métod dovrà normalment a l’é col Charmat o Martinotti, dal nòm dël diretor ëd l’Institut Sperimental për l’Enologìa d’Ast ch’a l’ha butalo an quader a fin Eutsent. La modifica a restituiss donca ‘l Brachèt sech a la stòria enològica dël Piemont.

Già cità dal Di Rovasenda e dal Gallesio, ël Brachèt, apressià për l’àut contnù sucrin ant j’uve e ‘l rich bagagi aromatich, dovù ai terpen, già persepibij an vigna con l’intens përfum ëd reusa  ch’a së spantia al temp ëd la vandumia, a vnisìa elogià dal Canina dël 1922 coma vin ëd lusso apartenent a la “categorìa dij vin ross, doss e aromatich”, consumà dzortut an version mossant.

Esportà ant l’Eutsent fin-a an Merica dël Sud, a l’é peui tombà ant la dësmentia, sia për ij flagej ch’a l’han funestà la coltura dla vis europenga, oidio, peronospera, fillossera, e ch’a l’han favorì, ant l’arnovmanent ëd le vigne, le varietà pì robuste, sìa për la concorensa d’uvagi a cost bass da l’ex Regno dle doe Sissilie, ch’a l’han invadù ij mercà ‘d Turin, Genova e Milan.

Mach da j’ani Sessanta dël Neuvsent a l’é ancaminà l’arprèisa, mersì a ‘d produtor coma Arturo Bersano, ch’a l’ha sempe riservà an asienda në spassi al Brachèt.

Acqui Terem (Al) – (c) Consorzio Tutela Brachetto

Dibatùa a l’é la comparsa dla varietà an Piemont, che studios coma Irene Gaddo a fan arsalì a la prima metà dl’Eutsent, periòd andoa la superfice a vis ant l’Astesan e Monfrà a rivava a la massima espansion, an arsèivend n’ulterior posson da l’ativassion dël 1848 ëd la trata feroviaria Turin – Genova, con l’apertura ‘d neuv mercà.

A cost ponto a ‘rsal l’imposission ëd le vis dominant o prevalent, coma ‘l Barbera ant l’Astesan, ch’a son ëspantiasse a dëscapit ëd n’ampia reusa ‘d varietà minor, dite uvari, un temp piantà a la bele mej ant la vigna e da le quaj a derivavo ij vin d’uvari, mës-cia d’uve diverse. Dal prim Eutsent le vis locaj a l’han dovù ‘dcò afronté la concorensa dle varietà ëstrangere, introdovùe an Piemont da d’agrònom sperimentator coma ij marchèis Alfieri a San Martin Alfieri e ‘l marchèis Filippo Asinari ‘d San Marsan ant ij possediment ëd Costijòle d’Ast e San Marsan Olivé.

A l’Asinari ‘d San Marsan, diplomatich e militar, ch’a l’ha fàit cariera ant l’esercit napoleonich për peui torné al servissi dij Savòja con la Restaurassion, a-j piasìa dediché ‘l temp lìber a la proprietà ‘d famija a Costijòle d’Ast, andoa a l’ha creà na vis sperimental, an butand a dimora ‘d piantin-e ‘d varietà ëstrangere, considerà prestigiose. Ël marchèis a l’ha sperimentà ‘dcò ‘d neuve tecniche ‘d coltivassion: ad esempi a consiliava ai contadin ëd sotré d’antorn a le piantin-e ‘d vis senten-e dë scarpe o ‘d ressiura ‘d còrn, përchè da la decomposision dël material organich (coram e còrn) a së sforighèissa l’azòto rivitalizant.

Con ij sò  esperiment ël San Marsan a l’ha lassà an eredità al Piemont la vis Chardonnay, da chiel introdovù an sle nòste colin-e, e dzortut n’uva aromatica a còcola nèira, conossùa coma Braquet ‘d Nissa dël Mar, originaria d’un teritòri al temp apartenent a jë Stat ëd Savòja. An vrità a smija ch’a esistèisso ant ël Nissard doe varietà conossùe coma Braquet, l’una dal gust sempi, l’àutra aromatica, ma as pensa che l’Asinari a l’avèissa introdovù pròpi la sconda, da l’intens përfum ëd reusa.

La varietà, già cità dël Set-sent da le font sabàude ch’a laudavo ‘n “vin licor” produvù ant ël contà ‘d Nissa e consumà a la cort ëd Turin, a l’é indicà da Incisa dla Rochëtta ant ël 1862 coma originaria dël Nissard, ma da “longh temp coltivà ant l’Astesan, andoa atualment as podrìa disse indigena”. Ël Braquet, adess Brachèt, a l’é spantiasse rapidament ant ij sircondari ‘d Nissa e Aich, tère d’elession, a scapit ëd varietà aromatiche na vira pì coltivà an Piemont, coma le Malvasìe bianche e nèire.

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...