Rarità che sorprendono: il Rossese bianco e la Malvasia moscata

La geografia del vigneto piemontese, accanto ai vitigni più celebrati, comprende sorprendenti rarità: tra queste il Rossese bianco e la Malvasia moscata, tornati in auge grazie alla rinnovata attenzione dei produttori per la ricchezza varietale.

bgb_6836
(c) Josetta Saffirio

Il Rossese bianco è un’uva a bacca bianca attestata da fine Ottocento nelle Langhe, a Monforte d’Alba, Sinio e Roddino, ma è ritenuta originaria delle Cinque Terre in Liguria, dove, tra i terrazzamenti che modellano i pendii strapiombanti verso il mare, sono stati rinvenuti vecchi ceppi con affinità ampelografiche.

Gli studi sul Rossese sono complessi per due motivi: da un lato, come in tutti i casi di uve con nomi che alludono al colore dell’acino, si tratta di denominazioni applicate a varietà anche molto diverse tra loro; dall’altro lato con il nome Rossese si indicano sia tipologie a bacca nera, come il Rossese di Dolceacqua, sia a bacca bianca, come il Rossese bianco di Ponente e quello piemontese.

Secondo il Gallesio, diplomatico e agronomo ligure nato nel 1772, il Rossese bianco è vitigno tipico della Liguria orientale e deve il nome alla peculiarità cromatica del rosso sfumato, assunto dalla buccia, di colore bianco, con la maturazione. Nel registro dei vitigni piemontesi si legge al riguardo che l’acino, esposto al sole, acquista un colore giallo ambrato tendente al rosa o rosso rame, da cui il nome dell’uva. C’è chi suppone che il Rossese bianco del Piemonte sia legato alla storia dell’antico e ormai scomparso Razzese delle Cinque Terre.

Come annotava nel 1891 il Martinotti, direttore della Regia Stazione di Enologia di Asti, era usanza che un tempo nel piantare una vigna “si mettesse di tutto un po’, tutto alla rinfusa” ed erano tante le varietà messe a dimora che spesso lo stesso proprietario ne ignorava “persino il nome”. Lo stesso Martinotti denunciava, però, che l’omologazione varietale allora in atto avrebbe condotto al difetto opposto, cioè all’abbandono di varietà minori, meritevoli di salvaguardia.

Da qualche tempo si è compresa l’importanza della ricchezza varietale, tra i punti di forza della viticoltura piemontese, e su questa scia dalla metà degli anni Settanta il Rossese bianco è stato recuperato in vecchi vigneti di Monforte da un gruppo di coltivatori che ne hanno sperimentato la vinificazione in purezza. Tra questi l’azienda Josetta Saffirio, guidata da Sara Vezza, che propone il suo Langhe Doc Rossese Bianco, con notevole potenziale di invecchiamento.

Un’altra rarità è la Malvasia moscata, inserita nell’elenco delle varietà idonee alla coltivazione in Piemonte grazie all’intraprendenza di un viticultore di Barge, titolare dell’azienda Le Marie. Sita nel territorio della Doc Pinerolese, l’azienda vanta oggi 2 ettari e mezzo coltivati a Malvasia, uva a bacca bianca attestata in zona dal Settecento da cui si ricava un bianco secco, battezzato Blanc de Lissart. Un tempo aggiunto ai vini rossi locali per conferirvi aromaticità, il vitigno è stato recuperato da ceppi di vigne vecchie sparsi sui terreni di Barge, dove oggi prospera tra i 400 e i 450 metri d’altitudine su suoli scistosi, ricchi di sali minerali.

La Malvasia moscata appartiene alla rosa delle Malvasie bianche e nere un tempo molto presenti in Piemonte, poi regredite in favore del Moscato. Con il nome Malvasia si indicano nelle fonti antiche uve di provenienza orientale, a bacca nera e bianca, dalla spiccata aromaticità: l’etimologia è da ricercarsi in una località del Peloponneso, Monemvasía, che era il porto usato da Veneziani e Genovesi per il trasporto dei vini orientali, dolci e liquorosi, verso l’Europa.

In Piemonte già nei testi ottocenteschi si menzionano Malvasie a bacca nera, tuttora rappresentate dalle varietà Malvasia di Schierano e Malvasia di Casorzo, mentre il Croce, nel suo trattato agronomico di primo Seicento riferito alla collina torinese, parla di Malvasie a bacca bianca, assai coltivate tra Astigiano e Alessandrino. Con il rinnovamento del vigneto piemontese, alle Malvasie a bacca bianca, più sensibili all’oidio, si preferì il Moscato, altra uva aromatica utilizzata per la produzione di Asti spumante e vermouth. La Malvasia bianca piemontese, detta anche Malvasia greca o Moscato greco, sopravvisse qua e là, ad esempio sulle colline di Barge, dove oggi è tornata a prosperare.

Come annota Anna Schneider, ricercatrice dell’Università di Torino, la Malvasia bianca piemontese, iscritta nel registro con il nome di Malvasia moscata, potrebbe “riprendersi la fama di un tempo” in quanto le sue uve, oltre alla rilevante aromaticità, si prestano a dare vini secchi, che “il diretto concorrente, il Moscato bianco, non riesce a fornire di altrettanta piacevolezza” per la nota sensoriale amara più o meno intensa, giudicata sgradevole.

Il Rossese bianco di Josetta Saffirio e la Malvasia moscata Blanc de Lissart sono oggi acquistabili anche a Torino, presso l’enoteca Dioniso 41, attiva dal 2010 nel cuore dell’ottocentesco Borgo Nuovo.

Paolo Barosso

____________________________________________________________________________________________________________________

UnknownTraduzione in piemontese a cura di Paolo Sirotto

Rarità ch’a sorprendo: ël Rossèis bianch e la Malvasìa moscà 

La geografia dle vigne piemontèise, tacà a le vis pì avosà, a comprend ëd rarità sorprendent: tra coste ‘l Rossèis bianch e la Malvasìa moscà, tornà famose mersì a l’arnovà atension dij produtor për la richëssa dle varietà.

Ël Rossèis bianch a l’é n’uva a còcola bianca atestà da la fin ëd l’Eutsent ant le Langhe, a Monfòrt d’Alba, Sini e Rodin,  ma a l’é artenùa originaria dle Sinch Tère an Liguria, andoa, tra le trasse ch’a modelo  le rive strapiombant vers ël mar, a son ëstàit arvenù ‘d vej sùch con d’afinità ampelografiche.

_bx124-copia
(c) Le Marie

Jë studi an sël Rossèis a son complicà për doi motiv: da na part, com’an tuti ij cas d’uve con nòm ch’a arciamo al color ëd la còcola as trata ‘d denominassion aplicà a ‘d varietà ‘dcò motobin diferente tra ‘d lor, da l’àutra con ël nòm ëd Rossèis a s’indico sìa tipòlogìe a còcola nèira, com’ël Rossèis ëd Dolceacqua, sìa a còcola bianca, com’ël Rossèis bianch ëd Ponent e col piemontèis.

Për ël Gallesio, diplomatich e agrònom ligur nà dël 1772, ël Rossèis bianch a l’é vis tipica dla Liguria oriental e a deuv sò nòm a la peculiarità cromatica dël ross ësfumà, pijà da la pleuja, ëd color bianch, con la madurassion. Ant ël register ëd le vis piemontèise as les al rësguard che la còcola, ësmonùa al sòl, a pija ‘n color giàun ambrà tendent al reusa o ross aram, da andoa a-i riva ‘l nòm ëd l’uva. A-i é chi a pensa che ‘l Rossèis bianch dël Piemont a sìa gropà a la stòria dl’antich e giumai sparì Razzese dle Sinch Tère.

Com’a notava dël 1891 ël Martinòtti, diretor ëd la Regia Stassion d’Enòlogìa d’Ast, a l’era usansa che na vira ant ël pianté na vigna “as butèissa ‘d tut un pòch, tut mës-ciolà” e a l’ero tante le varietà trapiantà che soens l’istess proprietari a n’ignorava “fin-a ‘l nòm”. L’istess Martinòtti a denunsiava tutun che l’omologassin ëd le varietà ch’as dovrava alora a l’avrìa portà al difèt opòst, visadì a l’abandon ëd varietà minor, ch’a l’avrìo merità la tùa.

biancoDa chèich temp a s’é capisse l’importansa dla richëssa dle varietà, tra ij pont ëd fòrsa dla coltura dla vis piemontèisa, e su costa scia da la metà dj’ani Stanta ‘l Rossèis bianch a l’é stàit recuperà an veje vis ëd Monfòrt da ‘n grup ëd coltivator ch’a l’han sperimentane la vinificassion an purëssa. Tra costi l’asienda Josetta Saffirio, guidà da Sara Vezza, ch’a smon sò Langhe Doc Rossèis Bianch, con un notèivol potensial anvejament.

N’àutra rarità a l’é la Malvasìa moscà, inserìa ant l’elench ëd le varietà adate a la coltivassion an Piemont mersì a l’intraprendensa d’un coltivator ëd vis ëd Barge, titolar ëd l’asienda Le Marie. Butà ant ël teritòri dla Dòc Pinareulèisa, l’asienda a vanta ancheuj 250 are coltivà a Malvasìa, uva a còcola bianca atestà ant la zòna dal Set-sent da la qual as arcava un bianch sech, batià Blanc de Lissart. Na vira giontà ai vin ross locaj për deje d’aromaticità, la vis a l’é stàita recuperà da ‘d sùch ëd vigne veje spantià an sij terèn ëd Barge, andoa ancheuj a foson-a tra ij 400 e ij 450 méter d’autëssa, su tère scistose, sgnore an saj mineraj.

La Malvasìa Moscà a aparten a la reusa dle Malvasìe bianche e nèire, na vis motobin present an Piemont, peui aretrà an favor dël Moscà. Con ël nòm ëd Malvasìa a s’indico ant le font antiche uve ‘d proveniensa oriental, a còcola bianca e nèira, da la spicà aromaticità: l’etimòlogìa a l’é d’arserché ant na località dël Peloponneso, Monemvasía, ch’a l’era ‘l pòrt dovrà da Venessian e Genovèis për ël traspòrt dij vin orientaj, doss e licoros, vers l’Euròpa.

An Piemont già ant ij test ëd l’Eutsent, as nòmino Malvasìe a còcola nèira, ancora adess rapresentà da le varietà Malvasìa dë Schieran e Malvasìa ‘d Casòrs, tramentre che ‘l Cròce, ant sò tratà agronòmich dij prim dël Sessent, riferì a la colin-a turinèisa, a parla ‘d Malvasìa a còcola bianca, motobin coltivà tra Astesan e Lissandrin. Con l’arnovesse dle vigne piemontèise, a le Malvasìe a còcola bianca, pì sensibij a l’oidio, a s’é preferisse ‘l Moscà, àutra uva aromatica dovrà për la produssion d’Ast ëspomant e vermouth. La Malvasìa bianca piemontèisa, dità ‘dcò Malvasìa greca o Moscà grech, a l’é dzorvivùa sì e là, për esempi  an sle colin-e ‘d Barge, andoa ancheuj a l’é tornà a fosoné.

Com’a a nòta Anna Schneider, arsercatris ëd l’Università ‘d Turin, la Malvasìa bianca piemontèisa, inscrivùa ant ël registr con ël nòm ëd Malvasìa moscà, a podrìa “arpijesse la fama d’un temp” përchè soe uve, oltra a la rilevant aromaticità, as prësto a dé ‘d vin sech, che “ël dirèt concorent, ël Moscà bianch, a riess nen a fornì d’autërtanta piacevolëssaI” për soa nòta sensorial mera pì o meno intensa, giudicà nen gradevol.

Ël Rossèis bianch ëd Josetta Saffirio e la Malvasìa moscà Blanc de Lissart a son ancheuj disponibij ëdcò a Turin, a l’enoteca Dionisio 41, ativa dal 2010 ant ël cheur dël Eutsentesch Borgh Neuv.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...