L’olivo in Piemonte

Chiaverano (1)Nell’immaginario comune il Piemonte è terra di burro e inverni rigidi, inospitale quindi per l’olivicoltura. In realtà, indagando i toponimi subalpini, si scoprono etimologie che rivelano una presenza antica dell’olivo, in particolare nei secoli centrali del Medioevo, quali Olivola e San Marzano Oliveto nel Monferrato.

Oltre all’etimologia, esistono tracce materiali, come la macina in pietra per frangere le olive conservata nel parco del castello di Pino d’Asti, ed evidenze documentali, fra cui un ordinato della Credenza di Ivrea, citato dallo storico Durando e risalente al XIV secolo, che imponeva ai proprietari di gerbidi e vigne sulle colline moreniche della Serra di mettere a dimora un albero di olivo (o di mandorlo) per ogni sapatura, antica unità di misura agricola piemontese corrispondente alla superficie che un uomo può zappare nell’arco di una giornata.

Gli studiosi riconducono l’introduzione dell’olivo in Piemonte ai Romani, anche se la sua coltivazione in area cisalpina venne presto penalizzata dalle importazioni di olio d’oliva dalle regioni più vocate dell’impero, come la penisola iberica o il Nord Africa. La fine dell’impero romano e l’avvento del Cristianesimo coincisero con una ripresa della coltivazione olivicola in alcune aree dell’attuale Nord Italia, come le sponde del Garda, per due ragioni: il venire meno dei tradizionali canali di importazione dell’olio d’oliva e il sopravvenuto fabbisogno di questo prodotto nei luoghi sacri per l’illuminazione e per esigenze di natura liturgica e nell’industria tessile per il trattamento della lana. In Piemonte l’alternativa all’olio d’oliva era l’olio di noci, mentre nell’alimentazione prevaleva la consuetudine nordica ai grassi animali.

Settimo Vittone (5)

Fu così che, dove possibile, piante di olivo vennero messe a dimora nelle adiacenze di pievi e abbazie e ancora oggi alberi plurisecolari sopravvivono in questi luoghi. E’ il caso del complesso monumentale della pieve di San Lorenzo e del battistero di San Giovanni a Settimo Vittone, nel tratto canavesano della valle della Dora Baltea, che, fondato nel IX secolo, è attorniato da un gruppo di olivi storici (cioè esemplari con almeno cento anni d’età).

La coltivazione dell’olivo, nelle aree più vocate del Piemonte come Canavese e Monferrato, si espanse nei secoli centrali del Medioevo, in particolare tra l’anno Mille e la seconda metà del Duecento, in corrispondenza di quell’optimum climatico medievale che portò sull’Europa un rialzo delle temperature. L’olivo, infatti, necessita di calore, ma tollera comunque bene temperature sino ai 7 gradi sotto zero e, nelle zone fredde, una volta superati i primi rigori invernali, può sopravvivere senza danni sino a 12 gradi sotto lo zero. Un altro fattore avverso all’olivo è l’accumulo di acqua nei terreni: per questa ragione si prediligono appezzamenti inclinati (per far defluire l’acqua in eccesso), esposti a sud e con una composizione sabbiosa tale da ridurre il ristagno idrico.

Spesso l’olivo nel Piemonte medioevale era coltivato in consociazione con lo zafferano, richiesto in farmacia e profumeria, ma anche come sostanza tintoria e spezia, e il mandorlo.

Con il raffreddamento climatico del XIV secolo, che pose fine al cosiddetto periodo caldo medioevale, la coltivazione dell’olivo si contrasse, lasciando spazio nelle aree collinari alla viticoltura, per poi ricomparire in tempi recenti grazie alla passione di alcuni coltivatori che nel 2001 a Vialfrè hanno costituito l’ASSPO, Associazione Piemontese Olivicoltori.

Sempre in Canavese, a Settimo Vittone, opera oggi un importante Frantoio Comunale che, ricavato dall’antica peschiera inaugurata da Maria José nel 1930, opera dal 2011 raccogliendo olive dai coltivatori sparsi tra questa zona e la bassa Val d’Aosta.

Settimo Vittone (2)

I documenti ci rivelano che a Settimo Vittone, dove la coltivazione dell’olivo integra attività tradizionali come la produzione vinicola e l’allevamento del bestiame (tradizionale in ottobre è la Desnalpà, che celebra la discesa delle mandrie dagli alpeggi), a fine XIX secolo vennero trapiantati presso il castello Bollo alcuni esemplari d’olivo provenienti dalla Liguria, da cui nel 1931 si ricavarono una trentina di chili d’olio (Donna, 1943). Tra i coltivatori oggi attivi ricordiamo l’azienda Giovanetto  che, nata nel 2005 in borgata Montestrutto, affianca alla produzione di vino la coltivazione di olivi. Sui terrazzamenti alternati a rocce che modellano i fianchi delle montagne l’azienda coltiva vitigni autoctoni come il Nebbiolo Picutener, la Vernassa o Neirét dal picul rus e il Neretto, da cui ricava Canavese Nebbiolo e Canavese Rosso. In base ad uno studio della Regione Piemonte, le qualità dell’olio d’oliva piemontese, ricavato oggi in prevalenza da olivi della varietà Leccino, sono in generale da ravvisarsi in valori molto bassi di acidità, alto contenuto di acidi monoinsaturi (tra cui l’acido oleico) e bassi polifenoli totali, il che pregiudica la conservabilità del prodotto, ma è all’origine del caratteristico sentore fruttato leggero e poco amaro.

Paolo Barosso

_______________________________________________________________

UnknownTraduzione in piemontese a cura di Paolo Sirotto

L’uliva an Piemont

 

Ant l’imaginari comun Piemont a l’é tèra ‘d butir e d’invern rigid, donca inospital për la coltivassion ëd l’uliva. An vrità, an indagand ij topònim subalpin, as dëscheurvo d’etimologìe ch’a ‘rvelo na presensa antica dl’uliva. An particolar ant ij sécoj centraj dl’Età ‘d Mes, coma Aulivia e San Marsan ant ël Monfrà.

Oltra a l’etimologìa, a ‘d trasse materiaj, coma la mòla an pera për moliné le olive, conservà ant ël parch dël castel ëd Pin d’Ast, e d’evidense documentaj, tra ij quaj n’ordinà dla Chërdensa d’Ivreja, cità da lë stòrich Durand e arsalent al sécol XIV, ch’a imponìa ai proprietari ‘d zerb e ‘d vigne an sle colin-e moreniche dla Sèra ‘d trapianté na pianta d’uliva (o ‘d màndola) për minca sapadura, antica unità dë mzura agricola piemontèisa corispondenta a la superfice che n’òm a peul sapé ant l’arch ëd na giornà.

Monteu Roero (5)

Jë studios a ripòrto l’introdussion ëd l’uliva an Piemont ai Roman, bele se soa coltivassion ant l’area cisalpin-a a l’é stàita tòst penalizà da le importassion d’euli d’uliva dle region pì adate dl’imper, coma la penisola Iberica o ‘l Nòrd Africa. La fin ëd l’Imper Roman e l’advent dël Cristianesim a l’han coincidù con na ripresa dla coltivassion ëd l’uliva an serte aree dl’atual Nòrd Italia, coma le rivere dël Garda, për doe rason: lë vnì meno dij tradissionaj canaj d’importassion ëd l’euli d’uliva e ‘l dzorëvnù bzògn ëd cost prodòt ant ij leu sacr për l’iluminassion e për esigense ‘d natura liturgica e ant l’industria téssil për ël tratament ëd la lan-a. An Piemont l’alternativa a l’euli d’uliva a l’era l’euli ëd nos, tramentre che ant l’alimentassion a prevalìa l’abitudin nòrdica a la grassa animal.

A l’é stàit për lòn che, andoa possibil, piante d’uliva a son ëstaite trapiantà tacà ‘d cese e abassìe e ancora ancheuj a dzorvivo piante secolar an costi pòst. A l’é ‘l cas dël compless monumental ëd la cesa ‘d San Lorens e dël Batisté ‘d San Gioann a Sèto, ant la art canavsan-a dla val ëd la Dòira Baltea, che, fondà dël sécol IX, a l’é circondà da ‘n grup d’uliv ëstòrich (visadì esemplar con almanch sent ani d’età).

La coltivassion ëd l’uliva, ant j’aree pì adate dël Piemont coma Canavèis e Monfrà, a l’é spantiasse ant ij sécoj sentraj dl’Età ‘d Mes, an particolar tra l’ani Mila e la sconda mità dël Dosent, an corispondensa ‘d col optimum climatich ëd l’Età ‘d Mes ch’a l’ha portà an Europa n’àussa dle temperature. L’uliva an efèt a l’ha damanca ‘d calor, ma a sopòrta comsëssìa bin temperature fin-a a 7 grado sota zero e, ant le zòne frèide, na vòlta superà ij primi rigor invernaj, a peul dzorvive sensa dani fin-a a 12 grado sota zero. N’àutr fator ostil a l’uliva a l’é ‘l mugesse dl’eva ant ij terèn; për costa rason as preferisso ‘d lòt ëd terèn inclinà (për fé core l’eva ‘d tròp), virà a sud e con na composission sabiosa tal da ‘rduve j’armeuj.

Soens l’uliva ant ël Piemont ëd l’Età ‘d Mes a l’era coltivà an associassion con ël safran, arcest an farmacìa e parfumerìa, ma ‘dcò coma sostansa tënziòira e spessia, e la màndola.

Con lë sfrèidament climatich dël sécol XIV, ch’a l’ha portà la fin dl’ansidit periòd càud ëd l’Età ‘d Mes, la coltivassion ëd l’uliva a l’é arduvusse, an lassand ëd spassi ant j’aree ‘d colin-a a la coltura dla vis, për peui ricomparì an temp pì recent mersì a la passion ëd serti coltivator che dël 2001 a Vialfré a l’han costituì l’ASSPO, Associassion Piemontèisa Ulivicoltor.

Sempe an canavèis, a Seto, andoa la coltivassion ëd l’uliva a integra atività tradissionaj coma la produssion vinicola e l’anlevament dël bestiam (tradissional an otóber a l’é la Desnalpà ch’a selebra la calà djë strop da j’alp), a la fin dël sécol XIX a son ëstàite trapiantà davsin ël castel Bollo cheich esemplar d’uliva provenient da la Liguria, dai quaj dël 1931 a son ricavasse na tranten-a ‘d chilo d’euli (Donna, 1943). Tra ij coltivator ativ ancheuj i arcordoma l’asienda Giovannetto che, nà dël 2005 an borgà Montestrutto, a buta tacà a la produssion dël vin la coltivassion d’uliva. An sle trasse alternà a ròche ch’a modelo ij fianch ëd le montagne, l’asienda a coltiva vis autoctòne coma ‘l Nebieul Picutener, la Vernassa o Neirèt dal picol ross e il Neretto, dal quaj a ‘rcava Canavèis Nebieul e Canavèis Ross. Su la base ‘d në studi dla Region Piemont, le qualità dl’euli d’uliva piemontèis, arcavà ancheuj an prevalensa da d’uliv ëd la varietà Leccino, a son an general da vëdd-se an valor motobin bass d’acidità, àut contnù d’acid monoinsaturi (tra ij quaj l’acid oleich) e bass polifenoli totaj; tut sòn a pregiudica la conservabilità dël prodòt, ma a l’é a l’origin dël carateristich sentor frutà leger e pòch amer.

 

 

Annunci

4 Comments Add yours

  1. L'amanuense ha detto:

    L’olivo non è più un albero ligure che piemontese? Chiedo perché in materia sono ignorante

    Mi piace

    1. sarahscaparone3 ha detto:

      Sicuramente sì, ma c’è una tradizione – seppur minore – anche in Piemonte

      Mi piace

      1. L'amanuense ha detto:

        Grazie 😉

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...