Baronetto a Torino: rinasce il Cambio

il

Con l’arrivo della primavera si respira aria nuova in città, senza ombra di dubbio. Mai come in questi ultimi due giorni Torino sta rivelando un dinamismo intellettuale e culturale a detta di molti del tutto europeo. Lo testimoniano la presentazione avvenuta ieri di Camera, il nuovo Centro Italiano per la Fotografia supportato da Magnum Photos e Leica, e quella di oggi dedicata all’apertura del nuovo ristorante Del Cambio. Torino è rock, diciamolo, bisogna solo crederci.

Lo ha fatto Matteo Baronetto che, lasciata Milano e la cucina di Carlo Cracco, torna nella sua città su invito di Michele Denegri, imprenditore torinese che accetta la sfida di rilanciare questo storico locale. Un anno di chiusura e il gioco è fatto. Izhar Patkin, Martino Gamper, Michelangelo Pistoletto, Pablo Bronstein e Arturo Herrera sono gli artisti internazionali ai quali è stato chiesto di riqualificare gli spazi del ristorante dove era solito pranzare il conte Camillo Benso di Cavour, artefice dell’Unità d’Italia. Numerosi e noti i commensali che nel tempo di sono avvicendati alle tavole Del Cambio: da Giacomo Casanova a Wolfgang Amadeus Mozart, da Carlo Goldoni a Honoré de Balzac o a Friedrich Nietsche, ma anche Mario Soldati, Eleonora Duse, Maria Callas, Audrey Hepburn…

Arte, genio e storia sono l’anima di un ambiente che oggi rafforza con determinazione la propria identità, pronto a scrivere nuove pagine insieme a una Torino diversa e forse più consapevole. Bandito l’esageruma nen (non esageriamo) tanto caro ai piemontesi, il Ristorante Del Cambio – che apre al pubblico il prossimo 14 aprile – riapre con l’intento di essere un luogo di prestigio della città, motivo di orgoglio per chi lo frequenta, ma anche luogo accessibile a tutti. Lo testimonia la scelta di realizzare, sopra il ristorante, uno spazio nuovo: il Bar Cavour. Si tratta di un cocktail bar aperto dalle 18.30 all’1.30 di notte dove gustare gourmandises o una cena informale e decisamente più easy (fino a mezzanotte).

Nelle cucine del ristorante, costruite su misura in Francia e in Italia, Matteo Baronetto e la sua brigata (composta attualmente da dieci persone) daranno vita a quattro tipologie di offerta differenti: Menu gastronomique à la carte (grandi piatti della tradizione si alterneranno alle creazioni della cucina contemporanea); Menù degustazione (un viaggio nel passato e nel presente del locale); Menu light lunch (una proposta più leggera per colazioni di lavoro e pranzi informali); Déjuner à la fourchette ovvero l’antenato parigino del moderno brunch, specialità del ristorante nell’800.

“La proposta – spiega Baronetto – sarà studiata ma istintiva e rappresenterà anche le mie radici, il mio Piemonte, senza dimenticare le esperienze che hanno contraddistinto la mia professione. Arrivo da Milano – prosegue –  ma ho sempre avuto l’ambizione di tornare a Torino. Penso che nella vita occorra avere coraggio per affrontare delle scelte che non sai dove ti porteranno: ho apprezzato da subito la “pazzia di buon gusto” che c’è dietro questo progetto e sono felice di tornare in una città che oggi più che mai è contemporanea e che non è seconda a nessuna. Io mi dò alla città – conclude Baronetto – e chiedo alla città di potermi esprimere”.

E che la sua cucina sia un mix di tradizione e rivisitazione è fuor di dubbio. Ne abbiamo avuto prova oggi dopo la conferenza stampa quando sono stati serviti: Vegetale, un piatto a base di asparagi, fave, piselli, funghi e nocciole; un risotto alla Cavour con uovo pochette; un meraviglioso filetto di vitello con finanziera e il Bonet bianco con caramello salato.

Last but not least le cantine del Cambio che risalgono al XVII secolo e sono visitabili. Un vero e proprio caveau con oltre 15 mila bottiglie: dagli Champagne ai vini di Borgogna, dai grandi rossi italiani agli storici Marsala, con il Piemonte che gioca, come è giusto che sia, un ruolo da protagonista. Chef Sommelier è Fabio Gallo, Direttore di Sala Daniele Sacco.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...