Carouge: la piccola Torino svizzera

Fontana Carouge (2)Alle porte di Ginevra, sulle sponde del fiume Arve, si trova Carouge, la romana Quadruvium, oggi inglobata nella metropoli svizzera. Un tempo città regale, inclusa sino al 1816 negli Stati Sabaudi, venne progettata dagli architetti di corte ad immagine dell’allora capitale, Torino.

Oltre all’impianto viario a maglie ortogonali, al disegno di edifici e chiese, alle piazze, all’affaccio sul fiume, il fil rouge che lega Carouge a Torino passa attraverso il cioccolato. Sin dal primo Settecento in molta parte d’Europa le botteghe di acquavitari, confettieri e cioccolatieri si avvalsero di manodopera svizzera, in particolare originaria dell’Engadina e dei Grigioni, tanto che in Piemonte era d’uso comune riferirsi a questa categoria artigiani, in piemontese confituré, con l’appellativo svìsser o batiajé. Nell’Ottocento Torino raggiunse fama internazionale nell’arte cioccolatiera, grazie anche all’invenzione della pasta Gianduia, dall’unione di cacao con nocciole tostate e macinate, assegnata dalla tradizione a Michele Prochet, di radici svizzere, il quale, divenuto contitolare nel 1878 della ditta Succ. Caffarel Prochet & C., registrò il marchio “Gianduia 1865”.

L’afflusso di artigiani dall’estero, giunti a Torino per apprendere i segreti della lavorazione, generò un interscambio tra Piemonte e Svizzera, parte della quale era appartenuta in passato ai Savoia, che risultò profittevole per entrambi: si narra, ad esempio, che François-Louis Callier e Philippe Suchard avessero lavorato come apprendisti in Torino, proseguendo poi il mestiere in Svizzera. Daniel Peter, successore di Callier alla guida dell’azienda fondata presso Vevey sul lago Lemano, mise a punto nel 1875 la ricetta del cioccolato al latte, utilizzando la farina lattea inventata dal chimico Henry Nestlè.

4A Carouge la Maison Martel, fondata nel 1818, propone più di quaranta tipi di praline, prodotte esclusivamente con fave di cacao importate dal Venezuela, fra cui Rocher al latte, Tartufi allo Champagne, Righi al Rhum e il Pavé di Carouge, cioccolatino che richiama, nella forma cubica e nel nome, la caratteristica pavimentazione delle strade cittadine, evocanti nell’aspetto l’immagine di Torino.

Gli urbanisti e gli architetti che nel 1772 ricevettero da Vittorio Amedeo III di Savoia l’incarico di inventare una città a ridosso della severa Ginevra, non dimenticarono la propria” (Renato Rizzo): fu così che un villaggio di 320 anime, ai confini del Regno Sabaudo, venne promosso nel 1786 al rango di città, ideata da architetti di corte come Di Robilant, Garella, Manera, Piacenza, Viana, quale proiezione in piccolo della lontana capitale, in grado di accogliere artigiani, orologiai, tintori, commercianti, che avrebbero dovuto trasformare questo modello di utopia urbanistica in luogo del realismo politico, isola di convivenza tra fedi diverse, cattolici, ebrei e protestanti, a pochi passi dal centro dell’intransigentismo calvinista, Ginevra.

L’idea di elevare Carouge a città regale, capace di rivaleggiare con la potente vicina, richiama alla mente radici storiche che legano le vicende di casa Savoia a questa fetta di Svizzera francofona, tra Canton Ginevra, Vaud e Vallese. Ogni anno il 21 e 22 dicembre si commemora a Ginevra la battaglia dell’Escalade che, combattuta nel 1602 tra ginevrini e Savoia (il termine Escalade evoca le scale smontabili ideate dai sabaudi per arrampicarsi sulle mura), segnò la rinuncia di questi ultimi, formalizzata dal trattato di Saint-Julien, all’egemonia sulla città lemanica, ormai affermatasi quale centro propulsore del calvinismo, ma in precedenza a lungo soggetta al predominio dei Savoia, tanto da giustificare il progetto di farne la loro capitale.

castello ChillonIl lago Lemano trasuda memorie sabaude: qui nacque il nucleo embrionale della marina militare sabauda, con la costruzione dell’arsenale e del porto militare di Villeneuve; il castello di Chillon, su un’isoletta collegata alla terraferma, fu residenza dei conti, poi duchi di Savoia, dal XII secolo al 1536 quando venne conquistato dai Bernesi; il Vaud, esteso dalla sponda nord del Lago Lemano al lago di Neuchâtel, venne attratto nell’orbita sabauda sin dal 1207, quando il conte Tommaso I ne conquistò l’allora capitale, Moudon, e dal 1285, con la risoluzione della contesa successoria apertasi alla morte di Filippo I,  venne affidato ad un ramo laterale della casata, i Savoia-Vaud, di cui fu capostipite Ludovico I.

Il vincolo di fedeltà che legava gli abitanti di Carouge ai Savoia si rivelò tanto stretto che a partire dal 1816, quando a seguito del congresso di Vienna si assegnarono alla Repubblica di Ginevra, divenuta 22° Cantone della Confederazione Elvetica, in contrasto con il declamato principio di legittimità, 26 comuni, fra cui Carouge, sottraendoli alla Francia e al Regno Sabaudo, i residenti della petite Turin tennero chiuse per tanti anni, in segno di protesta, le persiane delle loro abitazioni nel giorno della festa nazionale svizzera.

Paolo Barosso

______________________________________________________________________________

Traduzione in piemontese a cura di Paolo Sirotto

UnknownCarouge, la cita Turin ëSvissera, tra cicolata e stòria

A le pòrte ‘d Ginevra, an sle rive dël fium Arve, as treuva Carouge, la roman-a Quadruvium, ancheuj inserìa ant la metròpoli ësvissera. Un temp sità regal, comprèisa fin-a al 1816 ant jë Stat Sabàud, a l’é stàita progetà da j’architèt ëd la cort a sëmijansa dla capital d’antlora: Turin.

Oltra a l’impiant ëd le stra a maje ortogonaj, al dissegn ëd le ca e dle cese, a le piasse, al fàit d’afacesse an sël fium, ël fil rouge ch’a gropa Carouge a Turin a passa a travers la cicolata. Fin dal prim Setsent an bon-a part ëd l’Europa le boteghe dij venditor d’aquavis, confitié e cicolaté a l’avìo dovrà man d’euvra svissera, an particolar originaria dl’Engadin-a e dij Grison, tant che an Piemont a l’era normal riferisse a costa categorìa d’artisan, an piemontèis confituré,  con l’apelativ dë svìsser o batiajé. Ant l’Eutsent, Turin a lé riva a la fama internassional ant l’art cicolatèra, ‘dcò mersì a l’invension ëd la pasta Giandoja, da l’union dël cacao con ninsòle tostà e trià, assegnà da la tradission a Michel Prochet, ëd rèis ësvissere, che, diventà contitolar dël 1878 ëd la dita Succ. Caffarel Prochet & c. a l’ha registrà la marca “Giandoja 1865”.

Martel2La possà d’artisan da l’ëstrangé, rivà a Turin për amprende ij segret ëd la lavorassion, a l’ha generà n’interscambi tra Piemont e Svissera, part ëd la qual a l’era apartenùa an passà ai Savòja, ch’a l’é arsultà bin vantagiosa për tuti e doi: as dis, ad esempi, che François-Louis Callier e Philippe Suchard a l’avèjssò travajà coma novissi an Turin, an continuand peui ‘l mësté an ëSvissera. Daniel Peter, sucessòr ëd Callier a la guida dl’asienda fondà tacà Vevey an sël lagh Leman, a  l’ha butà a pòst, dël 1875, l’arseta dla cicolata al làit, an dovrand la farin-a ‘d làit anventà dal chimich Henry Nestlè.

A Carouge la Maison Martel, fondà dël 1818, a smon pì ‘d quaranta qualità ‘d cicolata, prodote esclusivament con ëd fave ‘d cacao importà dal Venezuela, fra le quaj Rocher al làit, Trifole a lë Champagne, Righi al Rhum e ‘l Pavé ‘d Carouge, cicolatin ch’arciama, ant la forma cubica e ant ël nòm, la carateristica pavimentassion ëd le stra sitadin-e, ch’a ‘rcòrdo ant l’aspèt l’imagine ‘d Turin.

“J’urbanista e j’architèt che dël 1772 a l’han arsèivù da Tòjo Amedé III ëd Savòja l’incarich d’anventé na sità tacà a la severa Ginevra, a l’han nen dësmentià la sòa.” (Renato Rizzo): a l’é stàit parèj che ‘n vilagi ‘d 320 anime, ai confin dël Regn Sabàud, a l’é stait promovù dël 1786 a livel ëd sità, ideà da architèt ëd cort coma Di Robilant, Garella, Manera, Piacenza, Viana, coma proiession an cit ëd la lontan-a capital, an gré d’acheuje artigian, orlogé, tintor, comerciant che a l’avrìo dovù trasformé cost model d’utòpia urbanistica an leu dël realism politich, isola ‘d convivensa tra fé diferente, catòlica, giudea e protestanta, a pòchi pass dal sénter dl’intransigentism calvinista: Ginevra.

L’ideja d’elevé Carouge a sità regal, bon-a a rivalisé con la potenta avsin-a, a ‘rciama a la ment rèis ëstòriche ch’a gropo le vicende ‘d Ca Savòja a costa fëtta dë Svissera francòfona, tra Canton Ginevra, Vaud e Valèis. Tuti j’ani, ‘l 21 e ‘l 22 dë dzember as arcòrda a Ginevra la bataja dl’Escalade che, combatùa dël 1602 tra ginevrin e Savòja (la paròla Escalade a evoca le scale smontabij ideà dai sabàud për rampignesse an sle muraje), a l’ha marcà l’arnunsia ‘d costi ùltim, formalizà dal tratà ‘d Saint-Julien, a l’egemonìa an sla sità lemanica, giumai afermasse coma sénter propulsòr dël calvinism, ma an precedensa a longh sògeta al predomini dij Savòja, tant da giustifiché ‘l progèt ‘d fene sòa capital.

Vetrata Losanna con scudo SavoiaËl lagh Leman a dagna memòrie sabaude: belessì a l’é nà ‘l nùcleo embrional ëd la marin-a militar sabauda, con la costrussion dl’arsenal e dël pòrt militar ëd Villeneuve: ël Castel ëd Chillon, su n’isolëtta colegà a la tèrafërma, a l’é stàita residensa dij cont, peui duca, ‘d Savòja, dal Sécol XII al 1536 quandi a l’é stàita conquistà dai Bërnèis; ël Vaud, estèis da la sponda nòrd dël Lagh Leman al Lagh ëd Neuchâtel, a l’é stàit tirà ‘ndrinta a l’òrbita sabauda fin dël 1207, quandi ‘l cont Tomà I a l’ha conquistane la capital d’antlora, Moudon, e dël 1285, con la risòlussion ëd la contèisa për la sucession ch’a l’era duvertasse a la mòrt ëd Flip I, a l’é stàita afidà a ‘n ram lateral ëd la casà, ij Savòja-Vaud, dont a l’é stàit capëstipit Lodvich I.

Ël vincol ëd fedeltà ch’a gropava j’abitant ëd Carouge ai Savòja a l’é arvelasse tant ës-ciass che a parte dël  1816, quandi a seghit dël Congress ëd Vienna a sòn assegnasse a la Republica ‘d Ginevra, diventà 22esim Canton ëd la Confederassion Elvetica, an contrast con ël declamà prinsipi ‘d legittimità, 26 comun-e, tra le quaj Carouge, an gavandje a la Fransa e al Regn Sabàud, ij resident dla petite Turin, a l’han tenù për tanti ani, an segn ëd protesta, le përsian-e ‘d sòe abitassion ant ël di dla festa nassional ësvissera.

Annunci

4 Comments Add yours

  1. ricettedicultura ha detto:

    Un post interessantissimo e un luogo che vorrei visitare!

    Mi piace

  2. Paolo ha detto:

    Grazie per aver letto e apprezzato! Senza dubbio, sono luoghi che valgono un viaggio, soprattutto per chi ama Torino e la sua storia.

    Mi piace

  3. Casa Scaparone Agriturismo ha detto:

    Wow Cugina! Posso pubblicarlo sul mio blog in piemontese! Che bravi ohhh!!!

    ciao b.

    Il giorno 08 gennaio 2014 09:51, Kite inNepal

    Mi piace

    1. sarahscaparone3 ha detto:

      Certo Gibi! Metti solo la nostra citazione! Ps Ci sono tantissimi articoli di Paolo tradotti in Piemontese su questo blog, dai uno sguardo!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...