Buronzo, riso di baraggia e castello consortile

C Burato 095
Credit Consorzio di Tutela della DOP Riso di Baraggia Biellese e Vercellese

La coltivazione del riso, introdotta in Piemonte nel Tardo Medioevo per iniziativa dei monaci di Lucedio, si estese nei secoli successivi grazie ad opere di canalizzazione idraulica, come il Naviglio d’Ivrea voluto dal duca Amedeo VIII di Savoia e il Canale del Rotto fatto costruire al principio del XV secolo dai marchesi del Monferrato, che prelevavano dalla Dora Baltea l’acqua necessaria all’allagamento delle risaie, operazione effettuata in primavera per proteggere la piantina di riso dagli sbalzi termici.

La risaia, dunque, si affermò come elemento di caratterizzazione del Piemonte orientale, con le parcelle ricoperte d’acqua in primavera e le stoppie intrise d’umidità in autunno, in epoca relativamente recente, se si considera che ancora nel Settecento appena il 7% delle terre coltivate nel Vercellese erano destinate a riso, e divenne prevalente dalla metà del XIX secolo con lo scavo del Canale Cavour tra Po e Ticino (1863-1866).

Il riso s’innestò su un ambiente che, nel Tardo Medioevo, appariva profondamente diverso dall’attuale, con boschi e acquitrini alternati a pascoli per le pecore, alla vite allevata ad “alteno”, a campi di frumento, segale, miglio e panico. In particolare con i grani di miglio, in latino panicum, mescolati a verdure e carne o latte si preparava una minestra asciutta di tradizione gallica, detta panicium, progenitrice del moderno risotto come attesta la radice dei termini “panissa/paniscia” designanti le specialità di Vercellese e Novarese a base di riso.

Dal Seicento il riso si espanse verso l’Alto Vercellese e il Biellese, nell’area delle “baragge”, dove, per le condizioni climatiche e la natura dei suoli, compatti, formati da limi, argille e sabbie, con un livello d’acidità tipico delle brughiere, acquista caratteri peculiari.

Infatti, il grano di riso appartenente alla Dop “Riso di Baraggia Biellese e Vercellese”, che include sette varietà (Carnaroli, Arborio, Gladio, Sant’Andrea, Loto, Baldo, Balilla), si distingue per la maggiore compattezza, la superiore traslucidità e le minori dimensioni.

C Burato 016
Credit Consorzio di Tutela della DOP Riso di Baraggia Biellese e Vercellese

Buronzo, “capitale” della baraggia, si trova al centro di questo territorio, che le fonti medievali descrivono come segnato dall’incolto: il nemus, bosco ceduo governato dall’uomo, la silva, i pascoli, affittati a pecorai biellesi, gli appezzamenti con vegetazione arbustiva o a macchia definiti “zerbi” o, appunto, “barazia”, dove si alternano praterie di Molinia, sottobosco di brugo (da cui brughiera) e alberi come farnie, roveri, carpini bianchi, pioppi, betulle, castagni.

Il nucleo antico del paese è dominato dal castello consortile, tipologia architettonica rara, variante signorile del ricetto. Posto su una motta e attestato sin dall’XI secolo, il complesso attuale è la risultante di fasi edificatorie successive dovute ai signori di Buronzo, ceppo originatosi dai signori di Casalvolvone che, con il tempo, si divise in sette rami o colonnellati, mantenendo però un’unione consortile periodicamente rinnovata da patti ratificati dal duca di Savoia, cui i Buronzo si diedero nel 1373. La struttura consortile della famiglia si riflette sull’impostazione dell’area castellata, composta da più caseforti con un lato verso l’esterno ed un affaccio interno sulla piazza comune.

La porzione appartenente al ramo dei Presbitero, detti anche Signoris, accoglie ambienti aulici, allestiti nel corso del Seicento nell’ambito della trasformazione in senso residenziale dell’edificio.

Sulle strutture medievali venne impostata una sopraelevazione al cui interno si trova l’appartamento delle “Imprese”, una serie di cinque sale rivestite da soffitti a cassettoni e ornate da fascioni con lo straordinario ciclo pittorico delle “Imprese”, che si richiama ad una moda letteraria e figurativa invalsa in Piemonte tra Cinquecento (Fossano, Manta) e Seicento (Buronzo) e attinge il repertorio di scene e motti da due testi, Le imprese illustri di diversi (personaggi) di Camillo Camilli (Venezia, 1586) e Le imprese sacre di Paolo Arese (prima metà del Seicento).

Ciascuna “Impresa” si compone di una scena con una o più figure, detta corpo, dal valore simbolico o allegorico, e da un motto, detta anima, dal tenore morale o religioso.

Tra le più rappresentative, nella Quarta Sala compare l’Impresa dell’“L’elefante che guarda una mano spremere un grappolo d’uva” con il motto Acuor in proelio (Spronato alla battaglia), riferita all’episodio biblico del Libro dei Maccabei in cui le truppe di Giuda Maccabeo somministrano agli elefanti succo d’uva e di more, una mistura eccitante che incita al combattimento. La spremitura dell’uva evoca la Passione di Cristo, la cui contemplazione incoraggia anche i timidi.

Nella terza Sala si trova, fra altre, l’Impresa del Pesce volante sul mare con il motto Sursum et subter (In alto e in basso), dove il pesce volante, che guizza tra i flutti e s’innalza sopra di essi, richiama il santo, che conduce una vita attiva, immergendosi “nelle acque di questo mondo”, ma anche contemplativa, elevandosi verso Dio.

Paolo Barosso

___________________________________________________________________________________________

Traduzione in piemontese a cura di Paolo Sirotto

Unknown La coltivassion dël ris, antrodovùa an Piemont ant la tarda Età ‘d Mes për inissiativa dij frà ‘d Lussedi, a l’é spantiasse ant ij sécoj sucessiv mersì a d’euvre ‘d canalisassion idraulica, com’ël Navili d’Ivreja vorsù dal duca Amedeo VIII ‘d Savòja e ‘l Canal dël Rot, fàit costruve al prinsipi dël sécol ch’a fà XV dai marchèis dël Monfrà, ch’a pijavo da la Dòira Baltea l’eva necessaria a l’anlagament ëd le risere, operassion efetuà durant la prima për protege la piantin-a ‘d ris dai sàut termich.
La risera, donca, a l’é afermasse coma element ëd caraterisassion dël Piemont Oriental, con le parcele cuverte d’eva ant la prima e jë stobion ambibì d’umidità an otógn, an época relativament recent, s’as considera che ancora ant ël Setsent pen-a ‘l 7% ëd le tère coltivà ant ël Verslèis a-i ero destinà a ris e a l’é dventà prevalent da la metà dël sécol ch’a fà XIX con lë scav dël Canal Cavour tra Pò e Ticin (1863-1866).
Ël ris a l’é inestasse s‘un ambient che ant la Tarda Età ‘d Mes as mostrava përfondament diferent da l’atual, con ëd bòsch e ‘d moijss alternà a ‘d pasture për le feje, a la vis anlevà ad “alteno”, a camp ëd forment, sèil, mèj e panich. An particolar, con ij gran ëd mèj, an latin panicum, mës-cià a verdure e carn o làit as prontava na mnestra sùita ‘d tradission galica, dita panicum, progenitris dël modern risòt, com’a dimostra la rèis ëd le paròle “panissa/paniscia”, ch’a indico le spessialità a bas ëd ris dël Verslèis e dël Noarèis.

Dal Sessent ël ris a së spantia vers l’Àut Verslèis e ‘l Bielèis ant l’area dle Baragge andoa për le condission climatiche e la natura dle tère, satìe, formà da ‘d pauta, ‘d creja e ‘d sabie, con un livel d’acidità tipich ëd le vàude, a pija ‘d carater special.
Difati, ‘l gran ëd ris ch’a aparten a la Dòp “Ris ëd baragia Bielèisa e Verslèisa”, ch’a includ sèt varietà (Carnaròli, Arbòrio, Gladio, Sant’Andrea, Lòto, Baldo e Balilla), as dëssern për la pì granda compatëssa, la superior traslucidità e le dimension pì cite.
Burons, “capital” ëd la baragia, as treuva al senter ëd cost teritòri, che le font dl’Età ‘d Mes a descrivo coma marcà dal zerb: ël nemus bòsch ceduo governà da l’òm, la silva, le pasture, fità a anlevador ëd feje bielèis, jj lòt ëd teren con vegetassion arbustiva o a macia, definì “zerbi” o giusta “barazia”, andoa a s’alterno prairìe ëd Molinia, sotbòsch ëd brugo (da andoa a-i ven brughiera) e piante come farnie, roj, chërpo bianch, piòp, biole, castagné.

Ël nùcleo antich dël pais a l’é dominà dal castel consortil, tipologìa architetònica raira, variant signoril dël ricet. Butà su na mota e atestà sin dal sécol ch’a fà XI, ël compless attual a l’é l’arzultà ‘d sucessive fasi edificatòrie dovùe a jë Sgnor ëd Burons, such ch’a l’é originasse da jë sgnor ëd Casalvolvon che, con ël temp, a l’é dividusse an sèt ram o colonelà, an mantenend, tutun, n’union consortil periodicament arnovà da ‘d pat ratificà dal Duca ‘d Savòja, al qual ij Burons a son dasse ant ël 1373. La strutura consortil ëd la famija as arflet an sl’impostassion ëd l’area castelà, composta da pì cafòrte con na part vers l’estern e n’àutr intern vers la piassa comun-a.

La porsion ch’a apartien al ram dël Presbiteri, dit ëdcò Signoris, a arsèiv ambient aulich, alestì ant ël cors dël Sessent ant l’ambit ëd la trasformassion an sens residensial ëd la costrussion.
An sle struture dl’Età ‘d Mes a ven impostà na sovrelevassion andrinta a la qual as treuva l’apartament dle “Imprèise”, na serie ‘d sinch sale arvestìe da ‘d sofit a casseton e ornà da ‘d fassion con lë strasordinari cicl pitòrich ëd le “imprèise” ch’a s’arciama a na mòda literaria e figurativa dovrà an Piemont tra Sinch-sent (Fossan, Manta) e Sessent (Burons) e a treuva ‘l repertòri ‘d sene e ‘d mòt da doi lìber: Le imprese illustri di diversi (personaggi) ëd Milo Camilli (Venessia, 1586) e Le imprese sacre ‘d Paul Arese (prima metà dël Sessent.

Tute le “imprèise” as compon-o d’un-a sen-a con un-a o pì ‘d figure, ch’a l’é dita còrp, dal valor simbòlich o alegòrich, e da ‘n mòt, ch’a l’é dita anima, dal tenor moral o religios.
Tra le pì arpresentative, ant la Quarta Sala, a compariss l’imprèisa dl’”L’elefant ch’a varda na man spërme na rapa d’uva” con ël mòt Acuor in proelio (spronà a la bataja), arferìa a l’episòdi dël Lìber dij Maccabè andoa le trope ‘d Giuda dij Maccabè a soministro a j’elefant gius d’uva e ‘d more, na mistura ecitanta ch’a cissa al combatiment. La spërmidura dl’uva a evoca la Passion dël Crist, dont la contemplassion a ancoragia ëdcò ij timid.
Ant la Tersa Sala as treuva, tra j’àutre, l’Imprèisa dël Pess volant an sël mar, con ël mòt Sursum et subiter (an àut e ‘n bass), andoa ‘l pess volant, ch’a sàuta tra ij flot e a s’àussa dzora ‘d lor, a ‘rciama ‘l sant ch’a conduv na vita ativa, an spërfondandse ant “j’eve ‘d cost mond”, ma ‘dcò contemplativa, an elevandse vers Dé.

Annunci

2 Comments Add yours

  1. Riso biologico ha detto:

    Accattivante informazioni, interessante da conoscere. Buon lavoro, complimenti!

    Mi piace

    1. Paolo ha detto:

      Grazie mille per aver apprezzato l’articolo e per seguire il nostro blog! A presto con le prossime tappe del viaggio enogastronomico e storico-culturale in Piemonte….

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...