Last day

È arrivato anche l’ultimo giorno in Nepal. Hada ci viene prendere alle 9.00 del mattino, dopo una lunga notte di meritato riposo. Partiamo alla volta di Bungmati, un piccolo villaggio vicino a Patan, ma prima ci fermiamo in un rifugio di profughi tibetani dove le donne realizzano a mano splendidi tappeti. A Bungmati fa caldo, le strade sono ricoperte da frumento, lenticchie, fagioli, funghi e pesce lasciato ad essiccare sotto il sole. Qui la gente lavora il legno e noi conosciamo un giovane artigiano locale che ci racconta come è nato il suo lavoro e quali paesi del mondo ha visitato grazie all’arte dell’intaglio. Parliamo a lungo e io lo intervisto (Elvio è per te) grazie all’aiuto di Mauro e Hada per la traduzione. Le sue opere sono di una raffinatezza estrema e possono essere realizzate durante interi mesi di lavoro. La giornata prosegue tra le campagne della valle di Katmandu alla scoperta di gole scavate dai torrenti: un di queste è sovrastata dal primo ponte sospeso del Nepal donato dalla Scozia nel 1903. Altri villaggi ci regalano la vista di templi induisiti e panorami sulla città che vediamo anche pranzando da un tetto panoramico.
Concludiamo il tour con una passeggiata nel bosco che ci porta a un enigmatico ed enorme Buddha che ci osserva nel bel mezzo della vegetazione.
Tornati in hotel affronto la mia valigia, mentre Mauro sistema la sua con grande naturalezza (ma ha comprato molto meno). Prendiamo un aperitivo con Giorgio, un ragazzo di Torino che vive qui da alcuni mesi e lavora con il nostro tour operator. La cena tipica con danze locali salta… L’autista non ha capito dove ci deve portare e quindi torniamo a Tamel per l’ultima cena prima della partenza. Vi stiamo scrivendo dal giardino nel nostro hotel. Domani alle 9.30 un aereo della Qatar ci porterà a Doha in un luogo, ne siamo certi, totalmente diverso da questo. Namaste e buona notte. Grazie Nepal per quello che ci hai regalato.

20110603-092309.jpg

20110603-092317.jpg

20110603-092324.jpg

20110603-092331.jpg

20110603-092341.jpg

20110603-092348.jpg

20110603-092354.jpg

20110603-092400.jpg

20110603-092407.jpg

20110603-092412.jpg

Annunci

6 Comments Add yours

  1. Hada Keshab ha detto:

    BUON VIAGGIO!!!
    Forse ci vediamo prossima volta.
    Un enorme saluto dal cuore.

    Mi piace

  2. Hada Keshab ha detto:

    Abbiamo anche visitato KIRTIPUR fondata come avampostomilitaredi Patan nel XII secolo e conosciuto come la citta’ dei nasi tagliati.

    Mi piace

  3. Hada Keshab ha detto:

    Abbiamo anche visitato KIRTIPUR fondata come avamposto militare di Patan nel XII secolo e conosciuto come la citta’ dei nasi tagliati. Il re di Gorkha ha conquisto Kirtipur nel 1969, Si racconta che dopo la conquista i vendicativi Gorkha abbiano tagliato il naso e le labbra di tutti gli uomini della citta’ …risparmiando solo quelli che sapevano suonare strumenti a fiato.

    Mi piace

  4. mafalda ha detto:

    è stata una bella avventura anche per noi seguirvi!!!
    ora siamo attesa dei vostri racconti di persona!!!
    un abbraccio e buonissimo ultima giornata e buon rientro

    Mi piace

  5. Sarahscaparone3 ha detto:

    Grazie Hada delle integrazioni e della tua simpatia! A prestissimo

    Mi piace

  6. Hada Keshab ha detto:

    scusa per sbaglio, conquisto Kirtipur nel 1769 non nel 1969.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...