101 Piemonte, il mio libro

Layout 1Il Piemonte scopritelo adesso, dicevano durante le Olimpiadi Invernali di Torino 2006. E avevano ragione. Questa terra dai molti paesaggi, dalle mille identità, dalle forti influenze francesi, dalla cultura e dai sapori che hanno fatto storia merita di essere conosciuta. E anche i piemontesi, i Bugia nen (letteralmente non muoverti), stanno imparando a riscoprire quanto di meraviglioso hanno sotto i loro occhi e stanno facendo conoscere al mondo quella “strana pazzia” che li contraddistingue, come direbbe Bruno Lauzi.

Le montagne sono l’essenza di gran parte del territorio e questa presenza incombente plasma, a tratti, anche il carattere delle persone: più riservato nel nord, più aperto nel centro e nel sud della regione. Le colline sono il cuore delle Langhe, del Roero e del Monferrato, il palcoscenico di cibi e di vini d’eccellenza, lo scenario di quei castelli che raccontano la storia dei luoghi e d’Italia. Le pianure richiamano alla mente quel “mare a quadretti” delle risaie vercellesi dove il neorealista Giuseppe De Santis, nel 1949, ha girato Riso Amaro ricordando ai più che il Piemonte è anche terra di cinema (nell’astigiano nacque Giovanni Pastrone uno dei padri del muto italiano). I laghi, con gli immensi silenzi, sono perle paesaggistiche capaci di stupire nella loro diversità: dalla maestosità del Lago Maggiore all’infinita dolcezza del Lago d’Orta. E poi ci sono i fiumi, come l’imponente Po, che qui nasce e racconta lungo i suoi argini storie diverse di una stessa gente. Ma il Piemonte è anche luogo di insediamento romano, di passaggio e di combattimento, sede della prima capitale d’Italia, e ancora oggi tutto racconta di questo passato e della sua regalità: dalle residenze sabaude ai castelli, dai musei alle fortezze, alla struttura delle città. È terra vocata alla sacralità (ha dato i natali al padre dei salesiani, ospita la Sacra Sindone, è dotata di un circuito di Sacri Monti, Abbazie, Pievi romaniche), all’arte barocca, agli sport non solo invernali, e al gusto. I dolci della tradizione piemontese sono apprezzati ed invidiati in tutto il mondo, i vini sono tra i principali ambasciatori di questa terra, la cucina rappresenta un valore aggiunto per la scoperta dei luoghi stessi. Il Piemonte è poi, non da ultimo, terra di distretti manifatturieri e industriali, ma soprattutto di gente e di tradizioni popolari, di folclore e di musica, di una lingua che traccia indelebile l’identità di gente e di luoghi che, nella loro diversità, non aspettano altro che di essere conosciuti.

Presentazione 101 cose da fare in Piemonte almeno una volta nella vita, Newton Compton Editori

 

QUALCHE ARTICOLO SUL LIBRO

vero cucina 9-11-11 tucondividi.com 20-10-11 torino sette 28-10-11 torino sette 3 28-10-11 torino sette 2 28-10-11 SAPORI E PIACERI 30-11-11 REPUBBLICA TORINO 28-10-11 plein air 1-11-11 pizza & food 23-11-11 pag_22_massena20 luna nuova 26-9-11 leggo torino 23-9-11 La_Stampa_-_Asti_978-88-541-3306-8_20111021 La_Stampa_-_Asti_978-88-541-3306-8_20111013 LA REPUBBLICA TORINO 23-9-11 la nuova provincia 19-10-11 in tavola 15-11-11 il punto cittylife 11-11-11 gazzetta d’asti 14-10-11 cronaca qui 14-10-11

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...